Benvenuti

sul portale dedicato alla città di Mercato S. Severino

 

 

 

Banner
Banner
Banner
News sul territorio Cronaca Morte di Donato Ragosa, penultimo tra i ciabattini di S. Severino
Morte di Donato Ragosa, penultimo tra i ciabattini di S. Severino PDF Print E-mail
Friday, 19 February 2021 00:00

lutto

“Ciao, amico Donato – storico calzolaio del Corso; riposa in pace”. È solo uno dei tantissimi post e/o messaggi (tutti di questo tenore o tono) “ricevuti” – sulle pagine social della community di Mercato S. Severino – dal ciabattino Donato Ragosa.Donatino” – così era affettuosamente denominato – è spirato, volando tra le braccia del Padre nella notte tra il 16 e il 17 febbraio ultimi scorsi, per complicazioni respiratorie (di cui già soffriva prima dell’avvento del Coronavirus) a cui si sono aggiunti problemi cardiaci (molto probabilmente è stato colto, stroncato da un infarto – che gli è risultato fatale).

Preesistenti, anch’essi, al periodo del contagio da Covid-19. Era stato sottoposto, in passato ad altri ricoveri; il suo cuore era però generoso – a dispetto degli acciacchi. Tra le personalità – conosciute o meno – del Sanseverinese, a tributare un ultimo messaggio “on line” al caro Ragosa, ecco il cardiologo Carmine Landi; Alessandro Zinno eccetera. Classe 1938, Donato era noto e stimato in città; soprattutto al centralissimo Corso Diaz – dove era sempre presente, nella sua “storica” bottega, assurta a punto di incontro dei Sanseverinesi. Dove accoglieva i tanti amici (ripetiamo) “di sempre” (di una vita): il “musicologo” Carlo Casale; Sergio Zinno e altri. Persona umile, benvoluta, disponibile e accogliente – dotata di grande umanità e di saggezza; non lesinava consigli e motti a coloro che si trovavano a passare dinanzi all’attività nella quale, anche nelle ultime settimane, egli risuolava e/o riparava scarpe e ciabatte; stivali. Tra tacchi e tomaie. Il negozio emanava sempre un acuto, pungente ma “rasserenante” (rassicurante) aroma di colla, mastice, vernici. In tal sede, si poteva chiacchierare del più e del meno – su tutti gli argomenti, dalla politica allo sport. Sulla vita quotidiana e/o “politica” di S. Severino. Senza “tema” di… “delazioni”. Ragosa lascia tre figli. Uno di essi collabora, da tempo, all’allestimento del presepe nella chiesa di S. Antonio al capoluogo. Proprio qui, il 18 febbraio – alle 9.30 – si sono tenuti i funerali. Esequie partecipate, nonostante le norme imposte dall’emergenza contagi da Coronavirus. La salma proveniva dalla morgue (sala mortuaria) dell’ospedale “Gaetano Fucito” – in località Curteri. Come attestano, quindi, sms e dediche su Facebook o su altri network, il Nostro rappresentava per davvero “la memoria storica” della cittadina. Uno degli ultimi artigiani “vecchio stampo”; legati dalla passione al loro degnissimo mestiere. Il suo “maestro” – ci raccontava in un’intervista da noi effettuata (mai, però, pubblicata) degli anni scorsi – è stato il compianto Vincenzo Ansalone. Donatino svolgeva la mansione di “solachianelle” (ovvero risuolava calzature) non per il “vile denaro” – affermava, nel corso del nostro colloquio – bensì per amore del suo mestiere. Dalle 8 del mattino alle 20 di sera, la sua esistenza era al negozio. Invitava le giovani generazioni a impegnarsi, ad imparare la tecnica di professioni “pratiche” quali falegname, barbiere, sarto e appunto “scarparo”. Deplorava il consumismo. S. Severino, in questi giorni, piange dunque un angelo in più nel Cielo. L’ultimo ciabattino della “vecchia guardia” – assieme a un altro “collega” (ancora operoso) che si trova in Piazza Garibaldi – conosciutissima come “mercato delle vacche”; la vicina Piazza XX Settembre, invece, è chiamata “mercato della minestra”. Tra altri personaggi “storici” del centro della Valle Irno, del presente e (soprattutto) del passato, ricordiamo qui Italo Gentile – corniciaio e mecenate, attivo al fine di perpetuare l’amore per l’arte nel paese (scomparso pochi anni orsono); l’edicolante Claudio Sabarese – pure lui deceduto da qualche anno. Anche quest’ultimo era proprietario di un “classico” luogo di ritrovo (e di cultura) a Mercato S. Severino. Si trattava de “L’edicola del Corso”.Tra gli (ulteriori) artigiani ancora in loco, annoveriamo “quelli” de “La bottega della pasta” - in via Trieste (capoluogo) – a cura della famiglia Cristofari (Antonio, Attilio, Ingrid ed altri); ma vi sono altre realtà che insistono (imperterrite) anche nell’era… “moderna” o “contemporanea” della S. Severino di oggi. Sanseverinesi professionali e con retaggi di botteghe di qualità. Nell’intervista che chi scrive ha porto al calzolaio Ragosa nel 2014 – ripetiamo: non apparsa sulle colonne dei giornali – erano contenute domande e curiosità del tipo: “Da quanto tempo lei svolge la professione di calzolaio? La ha ereditata da suo padre?”; “Da quanto tempo lei è attivo a S. Severino? La sua attività è sempre stata al Corso Diaz?”; “Quante scarpe riusciva a riparare da giovane? E adesso?”; “Cosa vorrebbe consigliare ai ragazzi e agli adulti che vogliano intraprendere il suo mestiere – il quale va scomparendo?”; “Come o in cosa è cambiato – a suo parere – il mondo del lavoro, a S. Severino o in Italia?”. Domande di tal genere. Con passione e tanta modestia, Ragosa rispose. Prima di tutto si sentiva (ed era) un Sanseverinese “purosangue” (se così ci è concesso di affermare). Abitava in Vico delle Cretaglie, antico vicolo della cittadina. I suoi… “primi passi” in fabbrica, anche a Cava de’ Tirreni. Egli raccontava, ci narrava (idealmente, come un “nonno”; il “nonno” di tutti noi) che ha cominciato a lavorare da giovanissimo, addirittura a 9 anni. “Rubando” le tecniche e i segreti di quest’occupazione a Vincenzo Ansalone e ad altri “mastri”. Al ciabattino dispiaceva che, ai nostri tempi, molti giovani non andavano più “a bottega”; a “faticare” dagli “scarpari” (anche perché non ve ne sono vivi o non sono disposti a condividere le proprie esperienze e l’arte delle calzature). Puntualizzava, chiarendo che una volta gli adolescenti imparavano un mestiere pratico, non tanto per un lauto guadagno – bensì per “avere una loro, propria autonomia”. Riguardo al numero di scarpe prodotte in una giornata di attività, egli rispondeva che tutto dipendeva dalla tipologia del lavoro; dal modello di scarpe; da quanti clienti entravano al negozio. Indicativamente poteva produrre e/o riparare da cinque a venti paia di calzature. Negli ultimi tempi, Donatino si lamentava (era il 2014, ricordiamolo) della mancanza di commesse. Certamente, il lavoro da effettuare c’era – ma non più come in passato. Tutto dipendeva dalle giornate, più o meno intense, e anche dal consumismo imperante degli ultimissimi e più recenti tempi. Oggi si preferisce comprare scarpe nuove di zecca, anziché ripararle. L’abilità di questo artigiano era evidente soprattutto nell’aggiustare tacchi e suole. Con gli attrezzi giusti: martello; coltello; lesina (non più); particolari macchinari per scarpe (più recentemente). Con passione, il Nostro si augurava che i giovani avessero maggiori opportunità di formarsi, come apprendisti, come garzoni. Ciò in quanto occorreva – secondo il suo pensiero – imparare praticamente (e non solo in modalità teorica) osservando e applicandosi con lena e perizia. Studio e lavoro assieme, dunque, per lo scomparso. Tecnica e manualità. Appunto “rubando”, come accennato sopra, il lavoro ai maestri – da parte degli apprendisti. Ragosa si augurava, al termine dell’intervista, che la sua amata professione non scomparisse del tutto. “Spero – dichiarava – che ci siano ancora persone capaci e volenterose, che possano divenire bravi calzolai”. Anche tramite l’uso delle nuove tecnologie – di cui, però, l’artigiano valutava pro e contro. Per chi scrive, incontrare Donatino Ragosa è stato piacevole e illuminante. Facciamo tesoro dei suoi preziosi consigli, delle parole di un Uomo probo e onesto; egli ha improntato tutta la sua vita a mantenere la coscienza pulita e a guadagnarsi da vivere con impegno; energia; sapienza; entusiasmo. Che sia sempre così, largo ai valori del sacrificio e della dedizione!

09062017 AnnaMariaNoia

Riceviamo e pubblichiamo volentieri un articolo della 
Dott.ssa  Anna Maria Noia.

 
Banner
Banner
Banner
 

Sondaggio

Vi piace il nuovo sito?
 

News sul territorio

cronacaCronaca
Tutte le notizie sui fatti accaduti nella nostra citta.

politicaPolitica
La vita politica e le news di Mercato S. Severino.

Lo sport locale

calcioCalcio
Le news delle squadre presenti sul territorio.

volleyVolley
La Rota Volley, formazione del campionato femminile serie B1

altri-sportAltri sport
Non solo calcio... ma tanto e tanto altro sport.


Banner

b e n v e n u t i
Citta di Mercato S. Severino