Benvenuti

sul portale dedicato alla città di Mercato S. Severino

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Cultura Scomparso il corniciaio e mecenate d’arte Italo Gentile
Scomparso il corniciaio e mecenate d’arte Italo Gentile PDF Print E-mail

pittoreMercato S. Severino perde uno dei suoi personaggi più celebri: il corniciaio e mecenate Italo Gentile. Il simpatico e schietto artigiano, “maestro di vita”, cultore d’arte nonché grande conoscitore della realtà cittadina (appunto) sanseverinese si è spento martedì 9 giugno scorso. Alla veneranda età di 86 anni – a luglio ne avrebbe compiuti 87. Amico di numerose generazioni di artisti, locali e/o internazionali (tra costoro: Pietro e Pierpaolo Lista; Antonio Pesce; Carmela De Caro e tantissimi altri ancora) partecipava alla vita sociale di S. Severino con autorevolezza e simpatia.

Era al centro, con la propria maestria, dei fermenti culturali che attraversavano Mercato S. Severino, in particolare, negli anni ’60 – ’70 e ’80. Quando il noto ed affermato centro della Valle dell’Irno (proprio S. Severino) pullulava di pittori e/o scultori. Attorno alla bottega di Gentile, presso la centralissima piazza Cesare Battisti, si era formata – in tutti questi anni – una “élite” (nel senso buono e non deteriore del termine) di artisti validi e capaci. Che progettavano il domani, chiacchierando del più e del meno – con le loro idee, spesso ardite e oniriche – e impegnandosi al servizio della cittadina. Il vero senso del “fare politica” – intesa quale “dedizione alla città” (dal greco “Polis”). E Italo sapeva - con grande sapienza… “pratica”, umile, da “autodidatta” (in un certo senso, se così ci è consentito esprimerci) – coltivare i talenti di giovani (allora) “virgulti” promettenti, che volevano avvicinarsi al complesso e fantasioso mondo dell’arte. Presso i locali della falegnameria (e/o carpenteria) di Italo Gentile hanno frequentato questa particolare “accademia” - di vita, di strada - personaggi quale Giuseppe Rescigno, il già citato Pesce (assieme ai Lista) e anche ulteriori creativi. Compreso l’amico fotografo (anch’egli con buona padronanza della tecnica – appunto – dello scatto) Gerardo Grimaldi. Un tipo energico, Gentile. Molti gli si rivolgevano con un “nomignolo” abbastanza buffo, che non stiamo qui a ricordare; tutti – però – ne apprezzavano l’autorevolezza e il suo “parlar chiaro”; con veemenza e senza infingimenti. Tipico del Sanseverinese “autentico”: anche il dotto studioso Gino Noia, assieme ad altri storici locali, è stato un “burbero benefico”. Disponibilissimo come Italo Gentile. E la similitudine continua, in quanto anche il Noia attraeva vari “discepoli” (nel significato originario e letterale di “allievi” – dal vocabolo latino “disco”, ovvero “discenti”). Il corniciaio, classe 1933, è stato opportunamente commemorato in data 10 giugno 2020, nel corso delle sue esequie – i funerali si sono tenuti alle 10, all’interno della chiesa di S. Giovanni. Pare che l’artigiano se ne sia andato nel sonno – forse a causa di un infarto; un arresto cardiaco. Almeno così affermavano le prime “voci”, all’annuncio della dipartita. Tra le iniziative e manifestazioni che il Nostro ebbe il merito di organizzare – assieme, naturalmente, ad altri “volontari” amanti e cultori dell’arte (Sanseverinesi e non) – sicuramente merita di essere degnamente ricordata e celebrata la collettiva “Via Vanvitelli” – la strada all’incrocio con la sua “officina”. Memorabili, in particolare, le edizioni (estive od autunnali, per lo più) 1995, 1996, 1997, 1998, 1999, 2000, 2006. Con la partecipazione dei notissimi e validissimi Antonio Pesce (deceduto pochi anni fa); Giuseppe Pizzo; Mario Carotenuto; Salvatore Marrazzo. E poi, Cavaliere; Cibelli; De Caro; Salvatore (padre) e Vincenzo (figlio d’arte) Liguori; Rescigno; Marano; Spirito e molti altri. Diverse generazioni di creativi, quindi. Ricorda – a tal proposito – il professore Massimo Del Regno, tra i “seguaci” (se così possiamo affermare, etimologicamente) di Gentile; di Noia; del centro di servizi culturali a S. Severino: “Il negozio di questo personaggio è stato luogo di incontro di artisti e anche di altri intellettuali. Un vero e proprio ritrovo, per discutere di cultura, arte e politica. Nel rispetto di tutti gli orientamenti, di ogni opinione”. Il Nostro ha “seguito” (se così possiamo dire) altri pittori o manifattori del circondario, nel Paradiso degli artisti. Dopo Pesce e altri. Si ricordano l’affetto e la stima (reciproci) che intercorrevano tra il corniciaio e il già ricordato Gino Noia; entrambi appartenevano a quella generazione in cui i valori del rispetto e della lealtà non erano di certo un “optional”. Le amicizie, in quei tempi, erano forti e schiette; cementate; “sacre”. Anche da “umile” (nella valenza semantica e simbolica mutuata dall’etimo “humus”, donde “humilis” e “homo” – “basso come la terra”) corniciaio, egli ebbe modo di oltrepassare gli anni della guerra e quelli della ricostruzione post-bellica. “Il suo desiderio – ricordano gli amici più vicini, affranti per il suo ritorno alla Casa del Padre – era quello di organizzare, dopo la quarantena legata all’emergenza Coronavirus, una nuova edizione di Via Vanvitelli. Anche per commemorare i defunti Pesce, Liguori (Salvatore), Carotenuto, Marano, Spirito”. Gentile aveva cessato – ufficialmente – le sue attività nel luglio 2017. Oggi, al posto della sua fucina – officina… “dello spirito” per tanti aficionados della cultura “visiva” (ma non soltanto) – è allocato uno studio fotografico. Anch’esso molto accorsato, come ai tempi della giovinezza e della maturità di Italo. Il Nostro lascia – oltre ad un’eredità di affetti e di cultura, unanimemente riconosciuti da Mercato S. Severino alle zone limitrofe; fino a tutto il Salernitano – anche la moglie, Maria Coppola e le figlie Fiorentina e Giovanna. Le figlie vivono da tempo in Lombardia. Inoltre il triste annuncio è stato diramato dalla sorella Irene; dal genero Maurizio Reina; dal cognato Raffaele Coppola; dai nipoti e da vari parenti. Lo ricorda con emozione anche il docente universitario Rino Mele, che pure gli è stato accanto negli anni; partecipando alle kermesse di Gentile. Particolarmente addolorato l’altro “compagno d’arte” Pietro Lista. Che ha fatto affiggere un manifesto sobrio ma significativo (dal latino “signum”) in cui esprime il proprio cordoglio; a nome suo (personale) e della moglie Rosa Cuccurullo. La morte di quest’uomo “semplice” (ma sapiente – sempre alla latina) lascia un vuoto anche nel campo della “falegnameria”. Un mestiere che si sta lentamente estinguendo – almeno dal punto di vista puramente artistico - poiché oggi le arti (cosiddette) “minori” (oppure “tecniche”) sono ormai retaggio di pochissimi maestri. “Maestri” nel senso pieno della parola – s’intende. Concludiamo questo nostro servizio e/o contributo con il ricordare che, su alcuni profili “social”, Gentile ha “ricevuto” tanti attestati di stima nei commenti di tanta gente – alla ferale notizia. Un bell’amarcord. Ai giorni nostri, uomini tenaci e “visionari”, lungimiranti come Italo non esistono quasi più. È necessario, pertanto, che la memoria di questo bottegaio/mecenate sia trasferita immediatamente alle nuove generazioni. Magari con degli happening in suo onore; oppure “recuperando” (semplicemente) l’evento di “Via Vanvitelli”.

09062017 AnnaMariaNoia

Riceviamo e pubblichiamo volentieri un articolo della 
Dott.ssa  Anna Maria Noia.

 
Banner
Banner
Banner
 

Sondaggio

Vi piace il nuovo sito?
 

News sul territorio

cronacaCronaca
Tutte le notizie sui fatti accaduti nella nostra citta.

politicaPolitica
La vita politica e le news di Mercato S. Severino.

Lo sport locale

calcioCalcio
Le news delle squadre presenti sul territorio.

volleyVolley
La Rota Volley, formazione del campionato femminile serie B1

altri-sportAltri sport
Non solo calcio... ma tanto e tanto altro sport.


Banner

b e n v e n u t i
Citta di Mercato S. Severino