Benvenuti

sul portale dedicato alla città di Mercato S. Severino

 

 

 

Banner
Banner
Banner
News sul territorio Cronaca Nuova Stagione per il Teatro Comunale - 2019/2020
Nuova Stagione per il Teatro Comunale - 2019/2020 PDF Print E-mail
Monday, 21 October 2019 00:00

premio charlot

Partenza col botto, per la nuova stagione teatrale targata Caccavale (“Teatro Più”) – nella struttura comunale di via Trieste, Mercato S. Severino. Ancora una volta, gli impresari del teatro Augusteo di Napoli – in collaborazione con il responsabile del cineteatro sanseverinese, Michele Stornaiuolo – hanno garantito dieci spettacoli di grande spessore; alto livello e riconosciuta qualità. La nota famiglia partenopea, che gestisce anche il Politeama; il Metropolitan e il multi-cinema di Anacapri, è subentrata da agosto scorso a “Fondazione Teatro” – da una costola della società di servizi municipalizzata “Gesema”. La trascorsa stagione ha ottenuto positivi e lusinghieri risultati, avendo il severo uditorio di S. Severino e dintorni apprezzato particolarmente le visioni in programma per il 2018/2019. Per questa nuova edizione, la 2019/2020, ci si augura di bissare i cospicui successi delle kermesse precedenti. Il teatro comunale sorge dall’esperienza dell’ex teatro “Ariston” (o “A”) – gestito da Franco Coda. Nel corso del tempo, si sono avvicendati sul palco prestigiosi interpreti di nuova drammaturgia (artisti emergenti, d’avanguardia e/o sperimentali) o tipicamente parte della classica commedia (alla) napoletana: tra i primi citiamo – a titolo esemplificativo – Leo De Berardinis e Tadeusz Kantor. Tra molti altri. Dagli anni Duemila, al timone della struttura – che ospita anche saggi di fine anno accademico e/o altre iniziative (anche) didattiche, ad esempio in simbiosi con “Oltre il teatro” e/o “Crescere insieme con il teatro” di Clotilde Grisolia – il compianto Fabio Stornaiuolo: il papà di Michele. Tornando a noi, la rassegna inizia alla grande – con la maestria di Massimo Ranieri, da gustare il 22 novembre prossimo venturo. Alle 21, ma all’Augusteo di Napoli: torna infatti l’esperienza “in trasferta” di “Teatro in movimento” – che tanto è stata apprezzata ed approvata dal pubblico nel 2018. Di che si tratta? È presto detto: come sperimentato lo scorso anno, alcune navette (bus) portano gli spettatori – tra i quali molti abbonati – presso l’Augusteo, per alcune visioni necessitanti di spazi ulteriori. La formula è stata gradita e apprezzata dagli aficionados sanseverinesi o di aree limitrofe. L’anno scorso, gli appuntamenti con “Teatro in movimento” erano due. Anche per stavolta, due sono le occasioni per raggiungere Partenope e l’Augusteo. Grande consenso – nella passata edizione – hanno ottenuto i musical “Peter Pan” e “Priscilla. La regina del deserto”. Per il 2020, “Teatro in movimento” interesserà il primo show, appunto con Ranieri – il 22 di novembre, in “Malia. Notti splendenti” con Gualtiero Peirce – e “Aggiungi un posto a tavola”, che vede la partecipazione di Gianluca Guidi. Nell’ambito di una delle commedie maggiormente replicate della tradizione italiana, frutto del garbato humour della “premiata ditta” (o coppia, versatile e proficua) Garinei (Pietro) e Giovannini (Sandro). Tale pièce sarà visibile venerdì 31 gennaio 2020 (sempre alle 21). Tutti gli altri spettacoli saranno fruibili a Mercato S. Severino. In particolare, il prossimo 29 novembre debutterà uno show omaggio (per chi usufruisca dell’abbonamento) con la partecipazione degli allievi – di ogni età e professione, ma adulti – della scuola di teatro (“Crescere insieme con il teatro”) della già citata attrice e regista Grisolia. La visione è intitolata: “Notre Naples”. Un copione leggero, fresco, irridente – allestito, con tanta passione, dagli attori “amatoriali” che si impegneranno al massimo allo scopo di divertire e far riflettere gli astanti. Non mancheranno spettacoli espressamente previsti per bambini: a giorni verrà presentato, anche, il cartellone “A teatro con mamma e papà”. Questi show avranno luogo, per chi desidera, la domenica mattina. In modo da riunire le famiglie grazie al “sacro fuoco” dell’arte scenografica e rappresentativa. Un plauso, dunque, al patron Stornaiuolo – che ben segue le orme del genitore – e a “Teatro Più” dei Caccavale. Proseguendo con la rassegna, oltre al rendez-vous con il gigante Ranieri, ecco – per la cronaca – gli altri spettacoli promossi dal teatro comunale: “Tartassati dalle tasse”, il titolo della pièce dell’amatissimo artista partenopeo Biagio Izzo – simpatico all’uditorio del comunale. Un attore apprezzato e plaudito, interprete comico fine e convincente. Lo show si terrà subito dopo Massimo Ranieri: il 6 dicembre. Un plot di Eduardo Tartaglia. Si tratta delle vicende e delle peripezie di Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati: un self made man “italiano” (napoletano) ma all’Americana; gestisce un rinomato ristorante (internazionale) di sushi. L’attività di famiglia, in realtà, precedentemente riguardava la vendita di baccalà. Insomma, il Nostro potrebbe ormai godersi la vita. Tutto sembra andare a gonfie vele, ma ecco giungere vari problemi - riguardanti appunto tasse et similia. A seguire, dopo l’exploit del guitto Izzo, “Casa di frontiera” con Francesco Procopio – trama di Gianfelice Imparato. Un plot incentrato, pare, sull’eterno conflitto tra Nord e Sud d’Italia: Polentoni versus Terroni, alias Nordisti contro Sudisti. È un testo di scottante attualità, garantiscono gli autori. Inerente l’intolleranza anche nei confronti del Sud del mondo – non solo riguardo gli Italiani. Sul palco, oltre a Procopio, anche Giovanni Allocca, Alessandra D’Ambrosio, un’altra attrice ancora da definire. Seguirà, ancora, il già menzionato “Aggiungi un posto a tavola” – a Napoli. Tutto ciò a fine gennaio (31). Ed ecco, scorrendo il cartellone, l’eclettico Peppe Barra – ne “I cavalli di monsignor Perrelli”. In atto a febbraio, il 7. A grande richiesta torna, dunque, a calcare le scene sanseverinesi (dopo del tempo) Barra. Irriverente e dissacrante, il Nostro recita “lungo” questa sceneggiatura che lo vede protagonista nei rapporti tra questo… “monsignore” e Ferdinando IV di Borbone – con la consorte Carolina. Il monsignore – dichiarano le note di regia – è come un… “bambino invecchiato”, viziato con manicaretti gustosi e calorici dalla perpetua Meneca. Risate e riflessione si alterneranno come vuole Peppe Barra, tra intermezzi musicali e/o canore e tipiche improvvisazioni (anche). Venerdì 21 febbraio è la volta del cabaret e degli sketch ironici a cura dei “Ditelo voi”, lanciati dal noto programma tv “Made in Sud”. I simpatici comici porteranno in scena una trama surreale e ridanciana: “Il segreto della viola ciocca”. Tra i protagonisti principali del cast, oltre ai “Ditelo voi”: Federica Totaro, Rita Corrado e Alfonso Capuano – un attore delle nostre zone, con un ricco curriculum e un cursus honorum di tutto rispetto. Ha seguito progetti teatrali a S. Severino, come la scuola di arte drammatica “Jacques Copeau” e la rassegna-concorso per compagnie emergenti “Rota in festival”. Durante la divertente pièce, i fratelli Cirillo – scomparsi da trentadue anni – sono ostaggio di un chimico sui generis, fissato con le presunte proprietà allucinogene della pianta chiamata violaciocca. Il cosiddetto “fiore della nonna”. I due vivono in uno scantinato, vivendo la vita che consente loro lo scienziato pazzo. Ben presto, però – sebbene dopo molti anni – i fratelli cominciano ad essere ingestibili e desiderano uscire dal luogo di detenzione. Complici una serie di situazioni particolari e, anche, gli incontenibili impulsi sessuali di uno di essi. A questo punto, ecco tante gag e situazioni ridicole. A marzo, giorno 13, torna il cantante pop Andrea Sannino – già ospite della rassegna scorsa. In “Carosone. L’Americano di Napoli”. Un omaggio, doveroso e opportuno, al grande chansonnier Renato Carosone, autore di brillanti e vividi testi musicali – orecchiabili e ironici. Tra questi: “Torero”, “Pigliati na pastiglia” e “Tu vuo fa l’Americano”. Il 2 aprile, eccezionalmente di giovedì, sempre alle 21 - l’uditorio del comunale si prepara ad accogliere (non in trasferta) l’ironico e spesso graffiante Carlo Buccirosso – con tutto il proprio aplomb. Egli dimostrerà la sua verve intelligente, grottesca e misurata ne “La rottamazione di un Italiano perbene”. Uno spettacolo tratto dal plot “Il miracolo di don Ciccillo”. “La rottamazione” è scritto e diretto dallo stesso Buccirosso. Sintesi della trama è la quotidiana lotta di Buccirosso – rappresentante l’Italiano medio – e dei familiari o amici con le famigerate cartelle esattoriali di Equitalia (ostinato agente della riscossione tributi, a livello nazionale) che esigono urgenti pagamenti. Il protagonista – un ristoratore con vari problemi – verrà poi aiutato a comprendere il da farsi grazie all’affetto della famiglia. In primis di sua moglie Valeria e dei figli Anna e Matteo – rispettivamente irascibile (lei) e pacato, riflessivo (l’altro figlio). A chiudere in bellezza la rassegna per il 2020, il grande Lucio Pierri – ne “La scommessa”, di Pierri e Lello Marangio. Anche lo scorso anno Pierri fu in conclusione; però in “Scacco matto”. “La scommessa” veicola tanta comicità e risate a crepapelle, grazie a degli spunti che potrebbero addirittura far parte di un thriller spionistico e/o psicologico. Sullo sfondo, ma non tanto, la questione della ludopatia e della “febbre” del gioco. Questo, in sostanza, il programma teatrale 2019/2020. Un plauso anche da parte del primo cittadino Antonio Somma, lieto per il successo ottenuto in tutti questi anni dallo staff del comunale; in particolare, Somma ha apprezzato il lavoro dei nuovi responsabili (“Teatro Più”, alias la famiglia Caccavale) con l’ausilio (come sempre) di Michele Stornaiuolo – sulle orme del padre ma anch’egli di una personalità spiccata. A breve partiranno anche i nuovi abbonamenti, con diritto di prelazione per gli aficionados più assidui. Non mancheranno offerte e sconti, si pensa per studenti o verso altre categorie. La campagna abbonamenti assumerà la formula del “pacchetto completo” (tutti gli show); del pacchetto di sette spettacoli più una trasferta; del pacchetto di sette visioni più le due trasferte. Info, via Trieste 48. Contatti telefonici: 0892027144; 3495227984.

09062017 AnnaMariaNoia

Riceviamo e pubblichiamo volentieri un articolo della 
Dott.ssa  Anna Maria Noia.

 

 

 
Banner
Banner
Banner
 

Sondaggio

Vi piace il nuovo sito?
 

News sul territorio

cronacaCronaca
Tutte le notizie sui fatti accaduti nella nostra citta.

politicaPolitica
La vita politica e le news di Mercato S. Severino.

Lo sport locale

calcioCalcio
Le news delle squadre presenti sul territorio.

volleyVolley
La Rota Volley, formazione del campionato femminile serie B1

altri-sportAltri sport
Non solo calcio... ma tanto e tanto altro sport.


Banner

b e n v e n u t i
Citta di Mercato S. Severino