Benvenuti

sul portale dedicato alla città di Mercato S. Severino

 

 

 

Banner
Banner
Banner
News sul territorio Cronaca Recital a Pandola di M.S.Severino e atmosfere natalizie nell’Irno.
Recital a Pandola di M.S.Severino e atmosfere natalizie nell’Irno. PDF Print E-mail
Friday, 22 December 2017 00:00

natale

La scuola dell’infanzia del plesso di Pandola – popolosa località (frazione) di Mercato S. Severino – dedica al Natale ormai imminente uno spazio di dolcezza, ingenuità e riflessione: i suoi piccolissimi allievi (fino ai 5 anni) si esibiranno il 20 dicembre (ore 16.30) in un recital ad hoc. Il cui titolo è: “Verrà un bambino di nome Gesù”. In barba alle tante polemiche – di livello nazionale – sull’opportunità di allestire il presepe in classe o di lasciare (o meno) al muro il crocifisso. La nascita del Cristo, Sole e Luce della vita, è un retaggio antropologico occidentale, ma va difeso e salvaguardato assolutamente. La cittadinanza (in particolare genitori, nonni e famiglie) è invitata, ingresso libero presso i locali della scuola – in via delle Puglie.

La dirigente è la professoressa Laura Teodosio; le maestre responsabili dell’evento sono Rossella Iannone, Piera Mauriello, Rosanna Santoro e Rachele Sessa. I circa 60 alunni delle 5 classi delle ex materne, daranno senso, aspettativa e atmosfera alle festività leggendo apposite liriche natalizie, cantando e deliziando l’uditorio con il loro candore e con l’innocenza propria della genuinità. Tutti i poemi da essi affrontati, con la rappresentazione teatrale e le nenie, sono il frutto di tanto sacrificio e di un duro lavoro (già dai primi mesi dell’anno scolastico) da parte delle docenti e dei ragazzini; un percorso inseritosi nella programmazione educativo-didattica per il 2017/2018. Tutto verte sugli ideali e sui valori della fratellanza e della carità, dell’amore. Come soltanto i piccoli possono insegnare. “Le recite di Natale – afferma l’intero corpo insegnanti della scuola, assieme al personale tecnico-amministrativo – pur imperfette, rappresentano per i bambini un’occasione di crescita e un banco di prova per rafforzare l’autostima”. Il Natale, anche a S. Severino, non è (e non dev’essere) una mera occasione consumistica e commerciale. Lo illustrano, a chiare lettere, i vari presepi – viventi o non – che la cittadinanza (privati), con un ausilio da parte dell’amministrazione sanseverinese, organizza per le vie delle frazioni e/o quartieri di lignaggio comprensoriali. Ecco così l’artistico manufatto delle chiese di S. Antonio e S. Giovanni al capoluogo e le rappresentazioni sceniche di Costa, Pandola e forse Spiano. Il presepe vivente è nato nel 1223 a Greccio, ad opera di S. Francesco. Per quanto riguarda quello “fisso”, tanto caro alla tradizione partenopea (vedi S. Gregorio Armeno, località di Napoli patria dei pastori in terracotta – tra sacro, profano e attualità, mai rinnegandone l’etnografia), l’introduzione del presepe napoletano (vi è anche quello palestinese) nella cultura meridionale è avvenuta ad opera di S. Gaetano da Thiene (Caietanus, abitante di Gaeta – nutrice del pio Enea). Il fondatore dell’ordine dei frati teatini. Nel presepe napoletano, il personaggio di Benino o Beniamino – il pastore dormiente – simboleggia sia l’incredulità (proprio in quanto dorme e sembra non accorgersi di quello che intorno a lui va nascendo) che la speranza. Il Natale è festeggiato sempre il 25 dicembre, in quanto era l’antica “festa del Sole”: il natalis Solis invicti” – la nascita del Sole mai vinto, mai domo”. È il solstizio d’inverno, la notte più lunga dell’anno. Da questo giorno in poi, le giornate si rischiarano – fino al solstizio d’estate, il 21 giugno. Quando il giorno supera, come ore di chiarore, la notte. E – secondo l’antico calendario giuliano, prima del gregoriano (papa Gregorio) – è invece il 13 dicembre il giorno più corto. Ciò spiega il perché si sostenga che “a S. Lucia un passo di gallina (verso la luce) e a S. Agnello (14 dicembre, il giorno dopo) un passo di vitello”. Per quanto riguarda il capodanno, invece, presso i Celti (Galli, i cui sacerdoti si chiamavano druidi, come a Stonehenge – antico osservatorio astronomico, fatto di dolmen e menhir) esso avveniva tra il 31 ottobre e il primo novembre: il famoso semain. Nel corso del semain, i Celti si abbandonavano a libagioni e a sbornie. Poi si recavano nei boschi e piantavano abeti in occasione (anche) della nascita dei propri figli. Da questa consuetudine, l’antica usanza dell’albero di Natale. E anche per il bacio sotto il vischio, occorre sapere che è un retaggio etnografico appunto celtico. Per quanto concerne, invece, la parola “strenna” – per indicare il regalo, il dono di Natale – essa deriverebbe (tra altre ipotesi) dal nome della dea sabina della Salute: Strenua, donde “strenuamente”.Altre curiosità riguardano i cibi tradizionali del Natale: quale primo piatto a S. Severino e dintorni, come a Pasqua si assaggia il brodo (però di gallina faraona, ruspante, non di piccione – delicato – come appunto a Pasqua); coi cappelletti. Alla vigilia del 24 dicembre però, nel corso del cosiddetto “cenone” – a partire dalle 18 – si mangia il capitone al lauro (alloro) e incartocciato al forno; poi non manca il baccalà – “sponsato” (a mollo) rigorosamente da una settimana, in diverse preparazioni e varietà (all’insalata, in umido, fritto…); vongole e cozze con gli spaghetti la fanno da padrona per quanto inerisce i primi piatti. In alternativa, linguine con gli scampi (o con le cicale o pannocchie di mare, le tanto rinomate “schifiggini”). La variante di questo piatto è costituita da spaghetti con la colatura di alici e le noci (la colatura, con il miele, era uno dei “sapori forti” del garum o garon – nella cucina greco-romana) – delizia e primizia dell’8 dicembre (Immacolata Concezione). E invece il 25, dopo il già citato brodo, tradizione vuole che si degusti il pollo “mbuttunato” (imbottito) – con una farcia di uvetta passa, pinoli e fegatini. Non dimentichiamoci dei broccoli (cavoli di Natale) e dell’insalatina di rinforzo. Insieme alla “Giardiniera”, composta da sottaceti. Dolce tradizionale, oltre ai retaggi “nordisti” di panettone e pandoro, i famosissimi “struffoli” napoletani – con tanti “diavolilli” (o diavolini, confettini di zucchero) e un’abbondante “mano” di miele. In alcune zone del Sanseverinese – ma anche del Cilento, si preparano manicaretti come gli scaldatelli o “scauratielli” – zeppoline cotte nel miele – realizzate tramite un procedimento molto laborioso e che prevede molta forza nel girare l’impasto. Insomma, Natale all’insegna del gusto… Paese che vai – in Campania o nell’Irno – e usanze che trovi. A S. Severino sempre, numerosissimi gli appuntamenti con le varie iniziative promosse e messe in campo dall’amministrazione ma soprattutto – in questi ultimi anni di crisi, paventato dissesto (o predissesto) e bilancio in negativo – dai commercianti dell’intero hinterland. Che – autotassandosi di 70 euro ciascuno – hanno decorato tutte le vie e le strade del paese. Sobbarcandosi, nel senso non deteriore del termine, manifestazioni e kermesse quali le “Notti bianche”. E per offrire, ai residenti e agli avventori da zone limitrofe, occasioni di serenità e curiosità. Per “sentire”, ancora e nonostante il freddo e il vuoto, per i meno abbienti – l’atmosfera di festa. Non dimentichiamoci dei bambini, con le iniziative del neonato sodalizio “Children” (in pista il 21 dicembre, per regalare un sorriso ai piccini) e dei degenti al presidio di Curteri (altra frazione sanseverinese): il 22, una folta rappresentanza di studenti, di ogni ordine e grado delle scuole comprensoriali, si recherà all’ospedale “Gaetano Fucito” per visitare i malati che non trascorreranno le feste in famiglia – come dovrebbero, come è giusto che sia. E, infine, non vogliamo concludere questa carrellata senza accennare – almeno – alla presenza dell’Albero natalizio della Pace al centralissimo corso Diaz – donato alla città dalla benemerita associazione “Live for Africa”, dell’imprenditore Giuseppe Perozziello. E che dire – e concludiamo – della tombolata di beneficenza, svoltasi in questi giorni, approntata dal club Napoli per sostenere la Caritas inter-parrocchiale sanseverinese? Insomma, tanta solidarietà e umanità sotto l’albero… Per regalare un sorriso a chi ha solo motivi per piangere. Tra questi, non ultime le famiglie cui nel 2017 – e soprattutto negli ultimi mesi – siano venuti a mancare i cari, giovani o anziani che siano!

09062017 AnnaMariaNoia

Riceviamo e pubblichiamo volentieri un articolo della 
Dott.ssa  Anna Maria Noia.

 

 

 
Banner
Banner
Banner
 

Sondaggio

Vi piace il nuovo sito?
 

News sul territorio

cronacaCronaca
Tutte le notizie sui fatti accaduti nella nostra citta.

politicaPolitica
La vita politica e le news di Mercato S. Severino.

Lo sport locale

calcioCalcio
Le news delle squadre presenti sul territorio.

volleyVolley
La Rota Volley, formazione del campionato femminile serie B1

altri-sportAltri sport
Non solo calcio... ma tanto e tanto altro sport.


Banner

b e n v e n u t i
Citta di Mercato S. Severino